OLIO MOTORE_ guida definitiva

Come scegliere il miglior olio motore?

Una delle cose più importanti da tenere in considerazione quando si fa manutenzione ad un’auto, è l’olio motore. L’olio è un componente assolutamente essenziale del tagliando, in quanto svolge alcuni ruoli di prim’ordine durante il funzionamento del nostro motore.

Vediamo quali sono principalmente le sue funzionalità, così potremo capire perché è così importante e perché va cambiato periodicamente.

olio motore

L’olio motore ha numerosi compiti:

  • si occupa di proteggere le superfici interne del motore prevenendone l’usura precoce e la corrosione;
  • mantiene pulite tutte le parti meccaniche, mantenendo in sospensione tutte le impurità;
  • riduce gli attriti tra le componenti in movimento e permette la tenuta tra cilindro e fasce elastiche.

Oltre a lubrificare e proteggere, l’olio motore effettua anche un’azione di raffreddamento, spostando il calore dalle parti più calde verso quelle più fredde.

 

Come è composto un olio motore?

Un olio motore è composto principalmente da olio base, la vera e propria sostanza lubrificante, che può essere dei tre differenti origini:

  • minerale, se deriva dalla distillazione del petrolio;
  • sintetica, se deriva da sintetizzazioni chimiche a livello industriale;
  • rigenerato, se deriva dal trattamento di oli usati.

All’olio base sono aggiunti poi dei particolari additivi (detergenti, antiusura, antiruggine ecc…), con il compito di conferire all’olio le proprietà che servono per ottenere determinate specifiche. Sono proprio questi additivi, nella giusta quantità e miscela, a determinare la qualità di un olio.

Questi additivi infatti provvedono a rendere più longevo il lubrificante stesso, evitandone la contaminazione e altri processi chimici, limitano i processi distruttivi generati dalla combustione e dall’attrito tra le parti in movimento e migliorano determinate caratteristiche dell’olio stesso.

 

Olio motore: sintetico, semisintetico o minerale?

La prima cosa da scegliere, quando ci si accinge a cambiare olio motore, è la tipologia di olio da adottare.

L’olio motore minerale è il più economico di tutti, adatto principalmente a veicoli agricoli o comunque datati e/o con scarse percorrenze. Questo perché questa tipologia di olio si degrada più facilmente e non è adatto a lubrificare motori potenti e con elevate percorrenze.

Se si effettuano molti percorsi cittadini con velocità tutto sommato contenute e con molte ripartenze, l’olio con un ideale rapporto qualità/prezzo è il semi-sintetico che permette una buona lubrificazione in queste situazioni.

Se si tratta invece di motori potenti o che sono sottoposti spesso a percorsi lunghi e ad alte velocità, l’olio maggiormente indicato è quello di tipo sintetico che, a fronte di un costo maggiore, fornisce la migliore protezione del motore stesso.

https://www.amazon.it/gp/product/B003U7Q96Y/ref=as_li_qf_sp_asin_il_tl?ie=UTF8&camp=3370&creative=23322&creativeASIN=B003U7Q96Y&linkCode=as2&tag=b0181-21

 

Scegliere l’olio motore secondo le specifiche di viscosità SAE.

Le specifiche SAE prendono il nome dall’istituto che si occupa della misurazione della viscosità e fluidità dell’olio, che si chiama appunto SAE (Society of Automotive Engineers).

Questa specifica si basa sulla misurazione della fluidità dell’olio alla temperatura di -18°C e della viscosità dello stesso alla temperatura di +100°C e identifica due tipi di oli: i monogrado e i multigrado.

I monogrado sono oli che mantengono una buona viscosità solo attorno ad una determinata temperatura mentre, i multigrado, offrono una buona fluidità a freddo e una buona viscosità a caldo. Nel caso dei monogrado, questa specifica viene indicata con la sigla SAE seguita da un numero mentre, nei multigrado, viene indicata con la scritta SAE, un numero (che indica il grado di fluidità a freddo), la lettera W (iniziale di Winter, inverno) e un altro numero (che indica la viscosità a caldo).

E’ necessario scegliere un olio che abbia questo tipo di specifica compatibile con quella indicata sul libretto della nostra auto ma, in linea di massima, possiamo leggermente modificarla per adattarla alle condizioni di guida e alle temperature della propria zona (abbassare il primo valore in caso di temperature molto basse o aumentare il secondo valore in caso di temperature abbastanza elevate).

 

Scegliere l’olio motore secondo le specifiche API-ACEA ecc..

Leggendo dietro le etichette di svariati oli motore, troveremo una lunga serie di specifiche rappresentate da sigle, numeri e chi più ne ha più ne metta. Queste specifiche rispondono a determinati istituti come l’API (American Petroleum Institute) o l’ACEA, o sono addirittura specifici per ciascun costruttore di automobili.

La classificazione ACEA è abbastanza semplice da leggere ed è solitamente formata da una lettera e da un numero.

Comprendere la prima lettera è davvero immediato:

  • La lettera A indica un olio adatto a motori a benzina;
  • La lettera B indica un olio pensato per i motori diesel leggeri;
  • La lettera C sta a significare che quell’olio è adatto per veicoli dotati di sistemi per l’abbattimento delle emissioni;
  • Le lettera E infine, indica che l’olio in questione è adatto per i veicoli diesel pesanti.

La combinazione di una di queste lettere con un numero, indica la specifica finale dell’olio:

  • A1/B1: sono oli dedicati a motori datati in quanto hanno una bassa viscosità;
  • A5/B5: Oli long life, da utilizzare con motori specifici in grado di sopportare questa specifica, a causa della bassa viscosità dell’olio stesso;
  • A3/B3: sono solitamente gli oli più comuni, stabili ed efficienti e con una durata piuttosto lunga;
  • B4: olio motore dedicato ai diesel ad iniezione diretta;
  • C1: Olio adatto ai motori dotati di trattamento dei gas di scarico, è di tipologia “Extra Fuel Economy” ed ha un contenuto di ceneri medio inferiore allo 0,5%;
  • C2: Olio di tipo Fuel Economy, con contenuto di ceneri inferiore allo 0,8%, adatto ai motori più recenti con trattamento dei gas di scarico;
  • C3: questo tipo di olio, infine, è una versione aggiornata del precedente C2 ed è adatta ai motori di ultima generazione. Anch’esso ha un contenuto di ceneri inferiore allo 0,8%.

 

Le migliori marche di olio motore.

Non fidatevi nell’utilizzare oli “da supermercato” nei vostri motori, senza marca magari, solo a causa del prezzo estremamente conveniente: un olio motore errato, può facilmente danneggiare gravemente un autovettura.

Fidatevi di marchi più conosciuti tra cui

 

Consigliati da noi:

Category: AUTO & MOTORI

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Staff di Come-scegliere.com

Siamo un gruppo di Amici e Professionisti. Ognuno specializzato in un determinato settore: elettrodomestici, sport & tempo libero, casa & giardinaggio, informatica & elettronica, abbigliamento, fai da te, auto & moto, benessere & cura del corpo, ebook & corsi, giochi & prima infanzia, food & wine.