come scegliere una impastatrice

Come scegliere una impastatrice

Elettrodomestico entrato a far parte delle cucine più attrezzate, in merito alla preparazione di dolci manicaretti, torte, soufflè e mille altri piaceri per il palato è l’impastatrice, nota anche con il nome di “impastatrice planetaria”. In questa mini guida analizzeremo proprio come scegliere una impastatrice planetaria?

come scegliere una impastatrice

Per prima cosa capiamo perché viene chiamata impastatrice planetaria?

Per via del movimento dei suoi robusti bracci, è uno dei nostri migliori assistenti nella preparazione di ottimi cibi in breve tempo, risparmiandoci la fatica di dover agitare continuamente gli impasti in lavorazione.

Analizziamo quindi quali sono le caratteristiche che rendono una impastatrice un oggetto prezioso per chi di noi è amante di pizze, pasticcini, pane fatto in casa e alimenti genuini in generale.

 

Come scegliere una impastatrice? Materiali e capienza.

Si parte solitamente dalla valutazione dell’aspetto e dalla solidità esteriore ed interiore dell’elettrodomestico che intendiamo acquistare per determinarne l’efficacia e l’affidabilità di una buona impastatrice, inoltre andrà considerata la possibilità di poterla usare trasversalmente per preparare cibi dolci, salati e dalla diversa tipologia e consistenza.

I materiali prediletti per far sì che questa condizione sia rispettata sono ovviamente acciaio e alluminio trattato; poco apprezzabile invece l’impiego della consueta plastica che, per quanto robusta, spesso non è adatta a sopportare le trazioni e i movimenti che verranno sviluppati dal motore integrato.

Altra caratteristica importante da considerare è la capienza della nostra impastatrice, essa potrà ovviamente variare a seconda dell’utilizzo e del numero di persone che dovremo servire.

Si parte da una capacità minima di circa 500 grammi, per arrivare a modelli da 2 / 2,5 chilogrammi, particolarmente adatti per le occasioni speciali o le tavolate di gruppo.

Cerchiamo inoltre di distinguere le nostre esigenze, in quanto non è detto che scegliendo una impastatrice o planetaria di misure e capienza superiori alle nostre necessità, per andare sul sicuro, si riveli la scelta migliore: occorre considerare che – così come accade con molti elettrodomestici – anche le impastatrici non sono in grado di funzionare alla perfezione quando sono in regime di sotto-carico.

la impastatrice più venduta su Amazon

Come scegliere una impastatrice? Movimenti e accessori.

Tra i parametri più importanti per la valutazione dell’efficienza di una impastatrice rientrano certamente i movimenti compiuti dai bracci impastanti.

Questi devono seguire, soprattutto nei modelli professionali o semi-professionali, percorsi in grado di amalgamare ed impastare gli ingredienti in modo ottimale, affinché il tutto possa inglobare la giusta aerazione e non perdere fragranza durante la lavorazione.

Mentre l’impastatrice classica adatta ai manicaretti più semplici eseguirà movimenti circolari singoli e senza troppe variazioni di percorso, le impastatrici planetarie sono studiate in modo da rendere più efficace il movimento delle fruste.

L’impastatrice planetaria infatti eseguirà due tipologie di movimento: uno rotatorio semplice ed uno rotatorio circolare, in grado di lavorare in maniera uniforme la pasta in ogni angolo della ciotola che la conterrà.

Per far sì che tutto ciò avvenga con più facilità, e conservando il giusto livello di sapore, l’impastatrice può essere dotata di alcuni accessori, tra cui un gancio a filo con frusta annessa, adatta sicuramente per gli impasti soffici ed i piccoli manicaretti da preparare in pochi minuti, oppure un gancio ad “A” per gli impasti di maggior consistenza, ma ancora non altrettanto duri come quelli per il pane o altri prodotti da forno, che potrebbero richiedere invece un gancio con conformazione a uncino più solido.

Come scegliere una impastatrice? Tipo di cibo da preparare.

Non tutte le impastatrici sono uguali, oltre agli ovvi parametri di potenza e capienza che dovremo scegliere in base alle nostre abitudini in cucina, è fondamentale porre attenzione ai tipi di impasto che dovremo preparare.

In base a questi dovremo considerare la tipologia di bracci di cui deve essere dotata la nostra macchina, ovvero fruste mobili per simulare un movimento umano e fornire una maggiore aerazione del composto, oppure le classiche braccia a spirale per riscaldare uniformemente le materie impastate mentre si permette loro di diventare più elastiche e gustose.

impastatrice apprezzata

Seguendo queste semplici linee guida, trovare la nostra impastatrice perfetta non sarà affatto difficile.

 

le migliori impastatrici

Potrebbe interessarti anche:

Category: ELETTRODOMESTICI

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Staff di Come-scegliere.com

Siamo un gruppo di Amici e Professionisti. Ognuno specializzato in un determinato settore: elettrodomestici, sport & tempo libero, casa & giardinaggio, informatica & elettronica, abbigliamento, fai da te, auto & moto, benessere & cura del corpo, ebook & corsi, giochi & prima infanzia, food & wine.