come scegliere un cuscino

Come scegliere un cuscino?

Insieme all’acquisto del materasso, il cuscino rappresenta uno degli aspetti più importanti per ottenere un buon riposo durate la notte. Grazie a loro, la tua schiena e il tuo collo possono essere perfettamente adagiati su superfici adeguate al tuo corpo e alle tue abitudini di sonno. In questo articolo andremo a vedere quali sono gli aspetti più importanti da tenere in considerazione quando ci poniamo la domanda come scegliere un cuscino?

come scegliere un cuscino

Iniziamo subito con il dire che se vuoi riposare bene, senza “traumi” notturni, devi puntare ad avere colonna vertebrale, collo e schiena perfettamente allineati. E questo lo puoi ottenere solo con il giusto materasso e il miglior cuscino.

 

Come scegliere un cuscino? Per finalità e vera funzione.

Il guanciale ha il compito di sostenere testa e collo, permettendo così alla spina dorsale di rimanere nella posizione corretta. Questo è importante, oltre che per un aspetto “puramente” di comodità, anche per un discorso di corretta respirazione durante la fase di sonno.

Non possiamo sottovalutare la scelta di un buon cuscino. Sbagliare il guanciale, infatti, è un errore che potremmo pagare molto caro con il passare del tempo. Dormire male per colpa del cuscino o del materasso può causare disturbi gravi alla schiena e al collo.

 

Come scegliere un cuscino? Dipende da te.

Non ci piace raccontare favole: il cuscino perfetto non esiste.

Tutto dipende da te:

  • da come sei abituato a dormire e che posizione mantieni durante la notte
  • come respiri
  • che fisico hai
  • quanto tempo ti riposi a letto

il cuscino più venduto

Come scegliere un cuscino? Per modalità con cui dormi.

Ogni stile di sonno ha un suo “ideale” cuscino.

Ti faccio degli esempi pratici:

  • sul fianco: hai bisogno di un cuscino piuttosto duro e spessore medio. Se dormiamo di lato su un cuscino troppo alto o troppo basso la colonna perde nuovamente la sua linearità.
  • sulla schiena, pancia in su: hai bisogno di un cuscino morbido che ti permetta di appoggiare bene la testa.  Se immaginiamo di dormire in posizione supina (a pancia in su), ci rendiamo conto di come un cuscino troppo basso o assente costringa il collo ad accentuare la sua curvatura (lordosi).
  • a pancia in giù: sarebbe meglio non utilizzare nessun cuscino, ma se proprio siamo abituati il consiglio è di scegliere uno molto morbido
  • sei in continuo movimento: non è semplice consigliarti un cuscino perchè tutto dipende dalle posizioni che assumi più frequentemente. Bisognerebbe fare delle prove. Ti possiamo consigliare comunque un cuscino in lattice.

 

Come scegliere un cuscino? Per larghezza ed altezza.

Tieni in considerazione che un buon cuscino dovrebbe superare la larghezze delle tue spalle. Diciamo circa 1 metro.

Vediamo le altezze dei più comuni guanciali:

  • basso: intorno ai 9/10 centimetri. Riduce la pressione del collo ecco perché è consigliato anche ai bambini.
  • medio: intorno ai 12/14 centimetri.
  • alto: intorno ai 16 centimetri. Deve consentire alla testa e alle spalle di rimanere in linea con la colonna vertebrale.

In linea di massima vale questa regola: se il cuscino è troppo morbido il collo “sprofonda” al suo interno, mentre se è troppo rigido si ottiene il problema opposto. Entrambi le situazioni portano ad una posizione non naturale della colonna vertebrale, con conseguente dolore e sonno disturbato.

Ovviamente questo discorso deve essere comparato con il tuo peso e altezza.

 

 

 

Come scegliere un cuscino? Per imbottitura.

Di fatto ci sono 4 tipologie di imbottiture che con gli anni hanno subito importanti miglioramenti:

  • piuma d’oca o anatra: è un cuscino tendenzialmente morbido che una volta deformato ritorna in un attimo nella sua posizione d’origine. Non è molto adatto alle persone robuste ed è ideale per chi ama dormire sulla pancia. Durano fino a 8/10 anni e sono elastici e traspiranti perché costituiti da materiale naturale.
  • Sintetico: è solitamente in fibra di poliestere ed è traspirante. Anche questo guanciale è morbido e non è adatto a persone robuste.
  • Lattice: è adatto per chi si muove molto durante il sonno o è abituato a dormire sul fianco. Il lattice è molto indicato a chi soffre di allergia agli acari o è di corporatura robusta.
  • Schiuma: generalmente poliuretano. Viene indicato come “memory foam”. Questo vuol dire che il cuscino è stato studiato per mantenere per alcuni secondi la forma della testa e del collo quando si cambia posizione. Non va bene per chi si muove molto durante il sonno. Ottimo per chi dorme su un fianco e per chi ha una corporatura robusta.

Se sei asmatico o allergico è meglio che non utilizzi cuscini di piuma d’oca, perché non lavabili e molto apprezzati dagli acari.  I cuscini in lattice rimangono i migliori perché sono lavabili e anti acaro.

Consigli utili per mantenere il guanciale sempre in perfetta forma.

Il cuscino ha bisogno di cure se vuoi che duri nel tempo, mantenendo sempre le sue principali caratteristiche.

Ecco cosa devi fare:

  • Lascia il cuscino fuori dalla finestra appena puoi. A volte può bastare anche far prendere aria alla camera.
  • Coprilo sempre con le federe
  • Giralo spesso
  • Se lo consente lavalo almeno 1 volta all’anno.

 

Potrebbe interessarti anche:

 

Category: BENESSERE & CURA DEL CORPO

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Staff di Come-scegliere.com

Siamo un gruppo di Amici e Professionisti. Ognuno specializzato in un determinato settore: elettrodomestici, sport & tempo libero, casa & giardinaggio, informatica & elettronica, abbigliamento, fai da te, auto & moto, benessere & cura del corpo, ebook & corsi, giochi & prima infanzia, food & wine.