barre portatutto

Come scegliere le barre portatutto per auto?

Salvi grazie alle barre portatutto per auto.

Se avete intenzione di fare un lungo viaggio sicuramente il bagagliaio non è sufficiente per tutto ciò che vi serve. Se poi volete portare anche oggetti voluminosi tipo l’attrezzatura sportiva, gli sci o le biciclette avrete bisogno di aumentare le capacità di trasporto della vostra auto. Il nostro consiglio è quello di acquistare le barre portatutto, cioè delle traverse che si agganciano o direttamente al tetto dell’auto o tramite degli attacchi personalizzati che si richiedono come optional al momento dell’acquisto dell’auto.

barre portatutto

Sulle barre si possono fissare:

  • i travel-box (bauli chiusi con serratura in grado di trasportare oggetti lunghi, borsoni e attrezzatura sportiva proteggendola dalle intemperie);
  • i portabici per un massimo di 3 biciclette;
  • la canoa nel suo imballo.

La scelta delle barre portatutto deve essere fatta con grande attenzione; non è importante cosa dovete metterci sopra, quello che conta è che non alteri la stabilità del veicolo, cioè che non influenzi la velocità, i consumi e la sicurezza.

Una volta acquistati e montati dovete sempre seguire degli accorgimenti preziosi: prima di caricare il bagaglio considerate la loro altezza e il peso e, per evitare problemi di assetto e aerodinamica, posizionate al centro i bagagli più alti e pesanti e sui laterali quelli più piccoli e leggeri.

Al termine delle vacanze togliete le barre portatutto dal tetto perché la loro presenza aumenta la resistenza dell’avanzamento del vostro veicolo e di conseguenza aumenta anche il consumo di carburante.

 

Barre portatutto: da cosa dipende la scelta del modello?

La scelta delle barre portatutto dipende dalla marca, dal modello e dall’anno di produzione della vostra automobile; in base a queste informazioni potete orientarvi verso un modello o un altro. Molti optano per il modello universale che si adatta ad ogni tipo di veicolo grazie alla regolazione in larghezza ma anche questo ha i suoi limiti.

È importante rispettare la normativa sugli ingombri per evitare sanzioni costose. Le barre non devono superare il muso dell’auto, non devono sporgere lateralmente e non devono superare il 30% della lunghezza complessiva del veicolo nella parte posteriore. Ad esempio se la macchina è lunga 3,00 m la barra può sporgere posteriormente di 0,90 m e deve essere segnalato con un pannello a strisce diagonali bianche e rosse e con i catadiottri ai 4 angoli.

 

Barre portatutto: varie tipologie di tetto.

La prima cosa da verificare è la tipologia del tetto.

1) Ci sono tetti “nudi” privi di scalanature e profili. In questo caso, le barre vanno fissate alla vettura tramite ganasce che si agganciano alle porte.

2) I tetti con profili integrati chiamati corrimano bassi o railing bassi hanno un sistema semplici per l’aggancio, infatti sono composti da 2 barre che collegano i profili di entrambi i lati.

3) I tetti con punti fissi di serie che presentano degli sportellini che si alzano per avvitare i piedi delle barre.

4) I tetti con barre longitudinali di serie chiamate “corrimano”, o “railing”, o “barre America” necessitano di barre trasversali che vengono fissate con un sistema di aggancio con doppi cavi in acciaio inox rivestiti in vera gomma.

5) Se l’auto presenta delle scalanature per la pioggia, chiamate anche “Profili a T”, le barre possono agganciarsi direttamente a esse.

 

Barre portatutto: scegliere in base alla capacità di trasporto.

Oggi i punti di fissaggio sono inseriti nel tetto e sono molto robusti, eppure nonostante ciò hanno un limite di carico che non deve essere superato. Per scegliere il modello giusto che rispecchi le vostre esigenze, prima di acquistare le barre portatutto consultate il fascicolo con le caratteristiche della vostra vettura in modo tale da conoscere il peso massimo che il tetto può reggere.

Mediamente il limite è di 75 Kg (compreso il portapacchi), quindi prima di caricare i bagagli fate attenzione al peso totale. Se è superiore a quello prestabilito dalle informazioni della vettura il baricentro si innalza e diminuisce l’efficacia della tenuta su strada soprattutto in curva. Si consiglia di selezionare il bagaglio al momento del carico, mettendo nel bagagliaio quelli più pesanti e sul tetto quelli più voluminosi.

 

Barre portatutto: materiale di costruzione.

Le barre portatutto possono essere realizzate in alluminio o in acciaio, entrambi a norma di legge.

1) I modelli in alluminio sono più leggeri, più economici e più belli esteticamente; alleggeriscono il carico sul tetto e la loro struttura aerodinamica consente una riduzione del carburante.

2) Il modello in acciaio è più pesante, più costoso e meno bello da vedere; ha un peso notevole pertanto bisogna ridurre il carico dei bagagli e, a causa della sua struttura, ha un notevole consumo di carburante.

 

Barre portatutto: il fissaggio.

Alcune vetture escono equipaggiate dall’azienda produttrice con barre longitudinali (station wagon e monvolumi) ma queste da sole non servono per trasportare i bagagli. Per fare ciò dovrete aggiungere delle barre trasversali che verranno fissate in modo perpendicolare su quelle presenti.

Se la macchina non dispone di barre longitudinali basterà agganciarle nei punti di fissaggio posizionati sul tetto della vostra auto tramite delle morse gommate, le quali verranno strette tramite delle viti fornite nell’apposito kit di fissaggio. Fatto ciò dovete coprire i punti di fissaggio con le mascherine anti ladro dotate di serratura che impediscono ai furbetti di smontare il tutto.

 

Barre portatutto: i migliori marchi.

Le barre portatutto sono in vendita nelle concessionarie, nei negozi di auto ricambi, negli ipermercati oppure on line grazie ai numerosi E-Commerce.

Le marche sono tante, ricordiamo:

 

Barre portatutto: il costo.

Come avete avuto modo di capire in commercio ci sono numerosi modelli di barre portatutto, che si contraddistinguono per marchio, costo e caratteristiche differenti. Il prezzo va da un minimo di 30/35 euro per il modello di base; 60/70 euro per un modello medio e ben oltre i 100 euro per il modello adatto ad auto di grandi cilindrate che richiedono maggiore sicurezza.

Dopo tutte le informazioni ricevute ora sarete in grado di scegliere il modello più adatto alle vostre esigenze e in base all’uso che ne dovete fare potrete optare per un modello universale economico o per uno specifico per la vostra vettura.

 

Consigliati da noi:

 

 

Category: AUTO & MOTORI

Tags:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Article by: Staff di Come-scegliere.com

Siamo un gruppo di Amici e Professionisti. Ognuno specializzato in un determinato settore: elettrodomestici, sport & tempo libero, casa & giardinaggio, informatica & elettronica, abbigliamento, fai da te, auto & moto, benessere & cura del corpo, ebook & corsi, giochi & prima infanzia, food & wine.